Tatooine

177457,xcitefun-ksar-ouled-soltane-6

sembra un’architettura messa su con la plastilina…

Tatooinecity

ma è nientemeno che Tatooine, il pianeta natale degli Skywalker, e forse dello stesso Anakin Skywalker (o perlomeno dove visse da ragazzo)

ksar-ouled-soltane-62

ed è un posto che esiste davvero, in Tunisia, e si chiama Ksar Ouled Soltane, un granaio fortificato su una collina nel distretto di Tataouine, con i suoi granai multilevel a volta, chiamati ghorfas, come una delle popolazioni che abitavano (nella saga) Tatooine, raccolti attorno a due corti.

Ah, che fantasia questo Lucas!

Sveglia! sta per tornare la Forza!

(con J.J.Abrams – Lost, Fringe, Revolution…)

sultane_2_1201725465

QS(A)R , in generale

insieme di case addossate con sottoportici coperti contro il caldo. Protetto da cinta muraria, ha una sola porta un tempo sorvegliata da uomini armati. Le abitazioni al suo interno in genere sono su tre piani: quello a terra per stalle e magazzini, al primo livello per cucina e servizi vari, al secondo piano per ospiti e padrone di casa: infine vi e il tetto terrazzato per dormire quando e caldo, seccare legumi e frutta, e comodo passaggio da un’abitazione al|`altra. Ciascuno qs(a)r ha una moschea con uno spazio comune davanti alla casa della persona di riguardo che la governa. e si sviluppa da un apporto costruttivo di crescita non pianificata. Gli qs(a)r si trovano di solito al confine tra le aree urbanizzate e gli spazi desertici nomadici; non diversamente dalle case torre sudarabiche.

I materiali con cui vengono realizzati questi tipi di abitazioni sono in genere reperiti sul posto, usando terra pressata su fondamenta in pietra. In terra viene realizzato ciascun elemento: pareti. tetti. pavimenti. sostegni. La miscela è di terra ben dosata con sabbia; altrimenti l’eccesso di terra porterebbe alla formazione di crepe, mentre quello di sabbia allo sgretolamento. Vi si aggiungono paglia o fieno per l`elasticità, ghiaia per la solidità, succhi vegetali o urina per l’impermeabilità.

La costruzione avviene con casseforme di legno dove la terra viene ben lavorata e lasciata riposare per circa un’ora. Le casseforme poi vengono inserite in un impalcatura di legni con l’aggiunta di travi. La decorazione comporta la realizzazione di semplici motivi geometrici, che insieme alla copertura esterna è fatta in mattoni crudi.

Tratto da Anna Spinelli, Arte islamica – La misura del metafisico, Ed.Fernandel, Ravenna, 2008

Tatooine 3

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...