La strage di Ankara

ankara 2

Questa immagine del tragico attentato di Ankara mi ha ricordato, involontariamente, la manifestazione del 2013 contro la guerra in Irak, a Roma, che terminò a Piazza San Giovanni, e alla quale parteciparono centinaia di migliaia o addirittura 2-3milioni di persone: sindacati e operai, comunisti, ambientalisti, pacifisti, cattolici e suore, no global, centri sociali, etc. Forse l’ultima manifestazione davvero “ecumenica” che ci sia mai stata in Italia, prima degli scismi settari odierni. Talmente pacifica che qualcuno spregiativamente la definì “una passeggiata”, Berlusconi disse che in quel corteo non c’era “la maggioranza degli italiani”, che ovviamente stavano davanti al televisore.

La guerra ci fu, e le conseguenze funeste durano tuttora senza che nessuno dei criminali che la condussero e appoggiarono abbia mai pagato alcunchè, anzi  (faccio retorica deliberatamente, à la Brecht, ma la verità è proprio questa: i veri grandi criminali non pagano mai, o quasi).

Queste ragazze, questi ragazzi di Ankara assomigliano molto a noi, vestono come noi, hanno le  nostre motivazioni, costituiscono la parte laica di una Turchia che con delinquenti come Erdogan sta appoggiando le peggiori efferatezze contri i curdi e contro i siriani, finanziando e addestrando i terroristi dell’ISIS,  attaccando YPG e PKK, nella stolta arroganza del nano che crede di essere un gigante o un nuovo sultano, mentre non è che una miserabile pedina in mano altrui. La responsabilità di questa tremenda strage è interamente sua, della sua follìa e della follìa di chi continua a sostenerlo, anche in Italia.

http://ilmanifesto.info/le-mani-sporche-del-sultano/

“Questo è il punto a cui hanno condotto il paese dopo 13 anni: la Turchia ormai somiglia a paesi come la Siria, l’Iraq o l’Afghanistan…Questo tipo di regime ha un nome, ma se lo scrivessi sono sicuro che sarei incriminato.”

http://www.internazionale.it/opinione/gunal-kursun/2015/10/12/ankara-attentato-responsabile

 

demirtas kubra mollagluSelahattin Demirtas, segretario dell’HDP (Partito Democratico del Popolo), con la candidata alle prossime elezioni Kubra Meltem Mollaoglu, morta nell’attentato di Ankara

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...