Grecia : 5 ragioni per un’Altra Europa – Etienne Balibar

pericle“Qui ad Atene facciamo così”

Come i Greci nella stragrande maggioranza, anche i Francesi sono per la costruzione europea, ma la vogliono del tutto differente.

Etienne Balibar, filosofo, 7 luglio 2015

http://www.liberation.fr/debats/2015/07/07/les-raisons-de-la-passion-francaise-pour-la-grece_1345074

Perché i francesi seguono con tanta passione i passaggi successivi della “crisi greca”, come se ne dipendesse la loro propria sorte? Ma perché ne dipendono. Ciascuno di noi ha le sue ragioni personali, professionali, intellettuali. Ma la ragione di fondo è politica: è l’attualità della politica, la sua resistenza alla “governance”, la sua capacità di riconquistare il posto che essa deve occupare in una società di uomini liberi.

Ecco cinque ipotesi, che ritengo condivisibili, ma di cui sono l’unico responsabile.

 

(traduzione: vincent)

 

pericle stato

 

La prima è che i cittadini francesi (e altri) hanno seguito con passione la lotta intelligente, ostinata, coraggiosa, di un governo e dei suoi dirigenti, decisi a rispettare il mandato di cui erano stati investiti. Abbiamo capito progressivamente che l’obiettivo delle “istituzioni” e della “grande coalizione” che governa in questo momento l’Europa non era di far uscire la Grecia dalla catastrofe nella quale l’hanno condotta i “piani d’aiuto”, né di aiutarla a riformare le sue strutture “corrotte”, ma di costringerli a una rinuncia umiliante, affinchè l’esempio non si diffondesse a macchia d’olio. In occasione del referendum, essi hanno capito che le informazioni diffuse da Bruxelles, dall’Eurogruppo, etc., e in gran parte ricambiate dalla nostra stampa, erano false, distorte. C’erano delle alternative!

La seconda, è che essi stanno prendendo le misure del problema di riattivare la democrazia, da cui dipende la legittimità dei poteri che ci rappresentano in ciascun paese e in Europa. I greci danno un esempio e pongono un problema, al quale, certo, essi non possono apportare da soli delle soluzioni. L’argomento martellato da settimane: “La volontà popolare di una nazione non può prevalere contro i trattati”, è divenuto: “Essa non può prevalere contro la volontà delle altre 18 nazioni”. E’ vero. Occorrerebbe infatti che anche queste vengano consultate, nelle forme attive che vengono messe in opera da Tsipras e dal suo governo. Il livello di esigenza democratica sta per montare in Europa.

 

greek delay

 

La terza, è che i greci incarnano un’autentica modalità di sinistra nell’opposizione all’orientamento dominante della costruzione europea. Essi fanno a pezzi lo stereotipo del “populismo” (o degli “estremismi”, che sarebbero confusi in una stessa demagogia e una stessa ostilità di principio alla costruzione europea). Tsipras è pro-europeista e contro la politica della finanza. Non abbiamo nulla di questo in Francia, dove la contestazione si rivolge piuttosto verso il Fronte Nazionale. Questo ci interessa e ci interroga.

Di qui la terza ragione : quale politica di sinistra oggi?

Quale discorso, quali pratiche militanti, quali obiettivi per una sinistra degna di questo nome nel XXI° secolo?

In Francia viviamo un momento deprimente, fra una sinistra associata al liberismo dominante, dimentica di tutti i suoi impegni, e una “sinistra della sinistra” divisa, spesso chiacchierona o esitante. Guardiamo verso Syriza, o verso Podemos, per cercare ispirazione, ma sarebbe meglio parlare di emulazione, perché non c’è un modello traducibile all’identico.

 

Copia di oxi day

 

La quarta ragione: la resistenza di Syriza ai diktat omicidi della troika, la lotta che essa deve attualmente condurre (in quanto il referendum non risolve niente, non fa che spostare qualche carta e acuire la posta in gioco), prova che l’economia comporta delle scelte. E’ essa stessa una politica. La grande maggioranza degli economisti (compresi quelli del FMI) sa che occorre ristrutturare il debito, e uscire dall’austerità. Ma la grande questione è lo sviluppo concertato e solidale delle società del continente. Syriza pone questo problema con forza. In una Francia che scivola verso il declino e l‘ingiustizia, questa questione risuona con forza.

 

churchill

 

Ultima ma non minore, Tsipras con il suo governo e con il suo popolo hanno detto chiaramente che il loro obiettivo non è la fine dell’Europa (verso la quale al contrario ci precipitano il dogmatismo e l’ostinazione dei nostri “dirigenti” attuali), ma la sua rifondazione su nuove basi. Il “momento costituente” di cui alcuni di noi hanno parlato dopo l’inizio della crisi è proprio davanti a noi. Esso non ha però modo di materializzarsi se non a patto che l’opinione pubblica in tutto il continente cambi parecchio, e molto velocemente, anzitutto per evitare il Grexit (l’espulsione di una nazione fuori della UE), e poi per porre la questione: quale Europa? Per chi? Con quali mezzi? Come i greci nella stragrande maggioranza, noi siamo per la costruzione europea, ma la vogliamo molto diversa. Noi sappiamo che è un’occasione da non perdere. Grazie Aléxis Tsipras di avercela data.

 

roosevelt

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...