Jan Svankmaier – Cibo & Dialoghi

non mi piacciono i cartoni animati, preferisco ambientare il mio mondo immaginario nella realtà

Jan Svankmaier, regista e sceneggiatore ceco nato a Praga nel 1934, è il poeta e filosofo del cinema d’animazione europeo, noto per le sue immagini surreali e grottesche. Nei film utilizza insieme numerose tecniche, l’animazione di oggetti frammentata con il  live action, disegni e collage,  uomini, macchine, figure di argilla, bambole antiche, tempera matite, scheletri , scomponendo e ricomponendo le forme, animando ogni cosa: dalle piante alle ossa, dalle patate agli attrezzi di carpenteria. Gli esseri umani agiscono sempre come robot mentre gli oggetti diventano antropomorfici, combattono, vengono decapitati, si suicidano e compiono riti cannibali.
I set sono quasi sempre cosparsi di mobili vecchi, edifici decadenti, rifiuti dell’era industriale e persino viti arrugginite e segatura. Svankmejer pesca a piene mani da Bosch, Arcimboldi e Giger, l’humor nero, l’introspezione, il grottesco e una ricerca Kafkiana dell’assurdo oltre che del fantastico.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...