La destra radicale dai Campi Hobbit a CasaPound (Valerio Marchi)

Ripercorrendo in questi video su You Tube la storia dell’incontro fra la destra radicale e le subculture giovanili, in primis la musica, il “sociologo di strada” Valerio Marchi, fondatore della Libreria Internazionale di via dei Volsci (Roma), egli stesso skinhead e ultrà romanista (purtroppo morto nel 2006) ricorda alcuni eventi importanti, in primo luogo quel primo tentativo realizzatosi nei Campi Hobbit ai quali partecipava il gruppo padovano La Compagnia dell’Anello che, come scrivono anche Del Corso e Pecere (vedi post precedente), aveva ben poco di “tolkieniano” ma integrava i “classici del fascismo” come “Faccetta nera” con stornelli o ballate folk di contenuto politico come “La foiba di San Giuliano”, “Storia di una SS” o “La ballata del nero”, nonché “Il domani appartiene a noi”, destinato a diventare l’inno della destra giovanile (e di Azione Giovani”). Nasce così il cosiddetto “nazional-rock”, o “musica alternativa” o “non conforme”, che ricalcava principalmente i moduli dei cantautori italiani, tant’è che Massimo Morsello, co-fondatore di Forza Nuova insieme a Roberto Fiore, veniva definito il “De Gregori nero”.

L’altro aspetto ricordato da Valerio, ancor più determinante sul piano sociale e politico in generale anche se meno sensazionalistico o meno giovanilistico, è la politica dei “condoni edilizi” instaurata nelle borgate romane in particolare dall’ex deputato democristiano (ma in precedenza squadrista fascista) Vittorio Sbardella, che sposta il problema della casa e dei servizi nei quartieri popolari dall’azione di rivendicazione collettiva di diritti alla logica della competizione individuale e illegale, facendo fiorire la “fiera degli appalti”, le tangenti e il clientelismo. Definito pittorescamente (si fa per dire) “lo Squalo”, “l’ultimo centurione DC”  o “il Podestà della Roma democristiana”, fu anche l’editore del settimanale “Il Sabato”, giornale di area Comunione e Liberazione (di cui divenne il referente politico romano) diretto per un certo periodo da Paolo Liguori e finanziato fra gli altri da Silvio Berlusconi.

Agli inizi degli anni Novanta la situazione è quindi mutata rispetto agli esordi del “nazional-rock”. Se prima si aveva a che fare con un tipo di fascista piccolo borghese o borghese, quello dei Parioli o del Circeo, che mostra arrogantemente il suo disprezzo e la sua natura di classe, adesso si passa al “fascismo popolare” di Sbardella, che negli anni ’80 ha fatto una grande carriera nella DC e nel sistema istituzionale, e a livello giovanile si passa al “fascista lumpen” che comincia ad avvicinarsi ad altre subculture giovanili come quella punk o skinhead, in particolare la band Skrewdriver rifondata da Ian Stuart nel 1982, i concerti della R.A.C. (Rock Against Communism), in opposizione alla R.A. R. (Rock Against Racism), con scontri anche fisici coi fans degli Infa-Riot, e quindi il network nazi-skin Blood & Honour fondato nel 1987 dallo stesso Ian Stuart. Di qui inizia il cammino che da Base Autonoma e Meridiano Zero (1991-93) porterà a Forza Nuova (1997), ZetaZeroAlfa (1997), CasaPound (2003), oscillanti fra “impolitica” stradaiola e aspirazioni istituzionali. Solo che nel frattempo Sbardella è morto, e i suoi eredi si chiamano Alemanno, Storace, Meloni, Alessandra Mussolini,etc.

L’altro evento ricordato in questo primo video da Valerio è quello dei “Roghi di Rostock” dell’agosto del 1992. Le date hanno ovviamente una importanza fondamentale in questa breve ricostruzione storica:

“Nel 1993-94 vidi un video dei cosiddetti “roghi di Rostock”, gli assalti dei giovani che venivano definiti nazi-skin a Rostock, nella ex Germania Democratica, contro gli alberghi, gli “asili” degli immigrati, e in questo video c’era, si vedeva 150 ragazzini di 15 anni, 14 anni, che davano l’assalto a quest’asilo, a quest’ostello, e 2000 borghesi di 50 anni che applaudivano. Lì uno si chiede “ma chi sono i nazi-skin”, se sono 50 ragazzini che si sentono investiti del ruolo di “Soldati della comunità”, oppure quei 5000 borghesi ridanciani che assistono al pogrom come se fosse una festa, e che molto probabilmente erano quelli che avevano lanciato tutte quelle onde telepatiche poi raccolte stupidamente da questi ragazzi”.

A partire dal 23 agosto 1992 i neonazisti o nazi-skin assediarono per sette giorni consecutivi un centro di accoglienza per rifugiati vietnamiti, “con la gente intorno ad applaudire, senza che la polizia decidesse di intervenire… lasciando mano libera agli estremisti…Certo c’ e’ stata la connivenza di una parte delle forze dell’ ordine, l’ indifferenza delle autorita’ anche federali, un inquietante appoggio “morale” da parte della popolazione. Ed e’ stato cosi’ che dopo le notti di Rostock, ci sono stati i roghi di Moelln e Solingen, in cui hanno perso la vita otto cittadini turchi” (Corriere della Sera, 23 agosto 1993). Sia pure in maniera leggermente diversa, è quanto è accaduto di recente a Torino. Lo schema è chiaro: in alto loco, le istituzioni e le forze dell’ordine “lasciano fare”, affidando il lavoro sporco alle bande di nazi-skin provenienti da tutta la Germania, mentre la “ggente” intorno applaude.

Queste “forme abbastanza nuove legate alle culture giovanili”, e alla musica in particolare, sembrano riprendere miti e simboli delle Sturmabteilungen (SA), o delle SS , della Hitlerjugend, e quindi il “nazismo magico”, la Repubblica di Salò,  il solito armamentario fascista di sempre rivisitato con un bel po’ di vittimismo martiriologico, in un calderone in cui coesistono la Compagnia dell’Anello, l’Alchimia celta e la Terra di Thule. Sullo sfondo, i padroni di sempre, e le folle del linciaggio.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...